DOCUMENTO PROGRAMMATICO (PARTE PRIMA)
(4 luglio 2016).

Pubblico qui, suddiviso in diverse parti, il testo integrale del Documento programmatico” apporvato il 4 luglio 2016 dal consiglio del quartiere San donato-San vitale.
***
DOCUMENTO PROGRAMMATICO della lista “CENTROSINISTRA PER SAN DONATO – SAN VITALE”
per il mandato amministrativo 2016-2021

LA GIUSTA STRADA, INSIEME

I valori e i principi scolpiti nella nostra Costituzione, nata dall’Antifascismo e dalla Resistenza, sono la bussola che orienta le nostre politiche e le nostre azioni per la comunità.

Connettere territori e persone, consolidare relazioni, gettare ponti, creare comunità, promuovere solidarietà, trasformare periferie in luoghi attrattivi, vivaci e vivibili. Investire risorse, competenze ed energie nel governo di un territorio nato dall’unione dei Quartieri San Donato e San Vitale fuori le mura, con l’obiettivo di promuoverne e consolidarne la centralità urbana, culturale, economica e sociale. Queste sono le sfide che affronteremo nei prossimi cinque anni, gli obiettivi che vogliamo raggiungere con il lavoro e l’ascolto quotidiano.

Il Quartiere è l’istituzione più vicina ai cittadini e svolge un importante ruolo di cerniera con il Comune, facendosi portavoce delle istanze delle persone e stimolandolo a perseguire politiche che tengano conto delle reali esigenze del territorio e di chi lo vive tutti i giorni. Il precedente mandato ha visto i Quartieri San Donato e San Vitale ottenere risultati amministrativi importanti che, grazie a progetti, iniziative e buone pratiche di cittadinanza attiva, di partecipazione e di innovazione amministrativa, hanno reso i nostri territori protagonisti nella città.

Ma c’è ancora molto da fare, e sono tante le risposte che i cittadini si attendono, prima di tutto dal punto di vista della credibilità di chi amministra, per recuperare la fiducia nelle istituzioni e nella loro capacità di rimanere a contatto con la realtà.
Per questo abbiamo messo in campo una squadra nuova, prevalentemente giovane ma con alcuni innesti di esperienza, dotata dell’entusiasmo, del radicamento territoriale e delle competenze necessarie non soltanto per proseguire con successo il lavoro iniziato nell’ultimo mandato, ma anche per raggiungere nuovi traguardi.

Il nostro è un territorio ampio, articolato e complesso, certo non privo di situazioni delicate ma anche con molte potenzialità. E’ composto da rioni storici aventi una precisa caratterizzazione, che vanno valorizzati nelle loro peculiarità e vanno rilanciati nel loro complesso, conciliando l’importanza della tutela della propria identità storica con l’appartenenza ad un’unica comunità e ad un’unica città, stimolando la partecipazione e la collaborazione, promuovendo eguali diritti e doveri di cittadinanza per tutti, nel rispetto delle regole condivise.

Per garantire un’azione capillare, continueremo il nostro impegno nel perseguire un’ottimale dislocazione degli uffici nell’intero territorio. Inoltre, lavoreremo insieme all’Amministrazione comunale affinchè tutti gli uffici e i servizi del nuovo Quartiere San Donato-San Vitale siano dotati di un organico adeguato, per numeri e professionalità dei dipendenti, e di risorse economiche congrue allo svolgimento ottimale delle proprie attività istituzionali con riferimento alle peculiarità del nuovo ambito territoriale complessivamente considerato ed ai bisogni dei cittadini.

Lavoreremo perché il nostro quartiere, che da sempre accoglie persone portatrici di storie, culture e sensibilità eterogenee, venga vissuto come sempre meno periferico da chi vi abita e sia sempre più in grado di offrire eccellenze ed occasioni di socialità, di dialogo e di conoscenza reciproca, anche sotto il profilo dell’offerta culturale.

Il nostro quartiere vede una considerevole presenza di persone provenienti da altre parti del mondo. Sappiamo bene, infatti, che in contesti come il nostro possono attecchire, più che altrove, dinamiche di pregiudiziale ostilità verso chi viene da lontano, ma sappiamo anche che solo attraverso il reciproco incontro si possono realizzare percorsi di inclusione nel pieno rispetto della legalità e delle regole di civile convivenza. Ci impegniamo, pertanto, a lottare contro tutte le forme di intolleranza, promuovendo, insieme a tutte le associazioni presenti sul territorio l’integrazione, la multiculturalità e la solidarietà sociale.