Skip to Content

Racconti

SMARTCITY

Aprile 6, 2019 • Pierluigi Giacomoni

SMARTCITY
(6 Aprile 2019)

1. L’ARRIVO

Quest’anno, la nuova moda del turismo è visitare le smartcity, ossia le città intelligenti, costruite con criteri di sostenibilità ambientale, ma anche piene di diavolerie tecnologiche.

Finish reading SMARTCITY

ZIMBABWE. SOTTOSVILUPPO VUOL DIRE MORTE

Febbraio 20, 2019 • Pierluigi Giacomoni

ZIMBABWE. SOTTOSVILUPPO VUOL DIRE MORTE
(20 Febbraio 2019)

HARARE.

Sottosviluppo vuol dire morte: morte per malattie che sarebbero perfettamente curabili, morte per incidenti che da noi non provocherebbero nemmeno una vittima, morte per lavorare illegalmente in una miniera chiusa da tempo, ma tenuta aperta ugualmente per estrarne oro o altri minerali.

Finish reading ZIMBABWE. SOTTOSVILUPPO VUOL DIRE MORTE

LA CANTANTE

Febbraio 3, 2019 • Pierluigi Giacomoni

LA CANTANTE

(19 Dicembre 2018)

1.

Son un investigatore privato abbastanza famoso in città perché son caro e risolvo tanti problemi. Perloppiù vengon da me mogli di grandi manager che voglion sapere se i loro mariti, quando son fuori per lavoro, le tradiscono, oppure mariti che voglion esser certi che la loro moglie, magari donna in carriera, sia ancora loro fedele.

Finish reading LA CANTANTE

NON VOLEVA PIU’ ESSER VERGINE

Febbraio 3, 2019 • Pierluigi Giacomoni

NON VOLEVA PIU’ ESSER VERGINE

(24 Ottobre 2018)

1.

Era venuta a studiare a Bologna anche perché sapeva che qui c’era un gran giro di giovani, non come nel suo sud Tirolo dove la gente viveva in alta montagna e d’inverno per passare il tempo si ubriacava. Si era iscritta a lettere e filosofia e, malgrado le sue difficoltà linguistiche, era di madrelingua tedesca e conosceva male l’italiano, riuscì bene nei primi esami.

Finish reading NON VOLEVA PIU’ ESSER VERGINE

MA LEI CHIACCHIERAVA

Febbraio 3, 2019 • Pierluigi Giacomoni

MA LEI CHIACCHIERAVA

(24 Ottobre 2018)

1.

Si trovava a Dallas, era il 22 novembre 1963: quel giorno nella sua città era in visita il Presidente John F. Kennedy. Lei era vicino ad una sua amica ed in attesa che arrivasse il corteo presidenziale cominciò, come faceva sempre, a chiacchierare. Di cosa parlava? Niente di rilevante, niente di memorabile, chiacchiere e basta!

Finish reading MA LEI CHIACCHIERAVA

ODIAVA I CICLISTI

Febbraio 3, 2019 • Pierluigi Giacomoni

ODIAVA I CICLISTI

(26 Dicembre 2018)

1.

Nella città dove abitava il comune aveva dato ai ciclisti la libertà di percorrere le vie in tutte le direzioni. Così la gente si era munita di bicicletta e percorreva le vie, i portici – la città ne era molto fornita – le strade a bordo di veicoli a due ruote. la situazione era diventata abbastanza grave perché i ciclisti si sentivano autorizzati a percorrere le loro strade a gran velocità e più d’un anziano era stato travolto da un Gimondi in erba.

Finish reading ODIAVA I CICLISTI

MICRORACCONTI DI CAPODANNO

Febbraio 3, 2019 • Pierluigi Giacomoni

MICRORACCONTI DI CAPODANNO

(31 Dicembre 2018)

1.

Era sempre in viaggio per il mondo: era un concertista e ogni due-tre giorni doveva esser in una città diversa per tenervi un recital. Quel 31 dicembre era partito da Londra diretto a Los Angeles. Sull’aereo non c’era molta gente e questo gli permise d’estrarre da una delle sue valigiette lo spartito d’una sonata di Beethoven che avrebbe dovuto eseguire una volta giunto a destinazione. Era così concentrato nello studio della partitura, che pure conosceva perfettamente, che non si accorse che l’hostess gli stava porgendo un calice di spumante.

Finish reading MICRORACCONTI DI CAPODANNO

MICRORACCONTI DEL 1° GENNAIO

Febbraio 3, 2019 • Pierluigi Giacomoni

MICRORACCONTI DEL 1° GENNAIO

(3 Febbraio 2019)

1.

Daniel era un professore d’orchestra dei wiener Phylharmonicker: come tutti gli anni il 1° gennaio 2019 doveva partecipare al concerto di Capodanno alla sala del Musikverein di Vienna. Da quando era stato preso vent’anni prima a far parte dei Wiener non ne aveva mai saltato nemmeno uno. Il 1° gennaio 2019 si svegliò con l’influenza e la febbre a 38. Prese il cellulare e mandò un messaggio al primo violoncello, Daniel era un violoncellista di fila, comunicandogli la malanotizia.

Finish reading MICRORACCONTI DEL 1° GENNAIO